Esthergarvi

Esthergarvi

SCARICA CER LAMPADE A

Posted on Author Kasho Posted in Autisti


    R5 – sorgenti luminose (tubi fluorescenti, lampade fluorescenti compatte, lampade a scarica ad alta intensità, comprese lampade a vapori di sodio ad alta​. energia; lampade a scarica ad alta intensità, ad alta o bassa pressione, escluse Tabella non esaustiva che indirizza alla corretta scelta del codice CER sulla. Scarica il PDF con l'elenco dei CER dei Rifiuti prodotti in Ufficio o *, Tubi e lampade fluorescenti a basso consumo, NO lampadine ad incandescenza​. Elenco completo dei codici CER dei RAEE, Rifiuti e Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. Pezzi di ricambio di grandi dimensioni; Neon (tubi e lampade fluorescenti) Modulo per indicare le matricole da scaricare dal libro dei cespiti.

    Nome: cer lampade a
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file: 64.42 MB

    Come smaltire le lampadine a risparmio energetico? È ormai norma comune prestare attenzione alla raccolta differenziata e al corretto smaltimento dei rifiuti, divisi per tipologia. Se riguardo a carta, vetro, metallo e rifiuti organici siamo ormai eruditi, non a tutti è chiaro dove buttare le lampadine. Smaltimento delle lampadine: le modalità corrette in base alla tipologia Le nuove tipologie di lampadine a risparmio energetico, come quelle a fluorescenza e LED, promettono prestazioni superiori in termini di durata da Vediamo, modello per modello, come smaltire correttamente le diverse tipologie di lampadina.

    Lampadine a incandescenza Le lampadine a incandescenza, ormai, sono per la maggior parte delle persone solo un lontano ricordo. Infatti, questo tipo di lampadina è ormai fuori produzione in quanto altamente energivora.

    Per questo, è prima di tutto importante imparare a riconoscerle.

    Le lampadine a incandescenza, a differenza di quelle a basso consumo, non rientrano nella categoria RAEE d. In alternativa, è sempre possibile portarle al negoziante da cui si acquistano le nuove lampadine, che è obbligato ad accettarle e a occuparsi del loro corretto smaltimento.

    Lampadine alogene Le lampadine alogene, progettate da Nikola Tesla e chiamate anche fluorescenti o a tubo, hanno come caratteristica di produrre luce attraverso la reazione tra alcuni gas nobili e il mercurio contenuto al loro interno. Proprio la presenza del mercurio rende lo smaltimento di queste lampadine particolarmente delicato.

    Per queste ragioni, in caso di rottura di una lampada alogena, è consigliato arieggiare il locale per qualche minuto e utilizzare guanti per raccogliere i pezzi rotti. Inoltre, è consigliabile che a rimuovere e maneggiare la lampadina rotta non sia una donna incinta, o un bambino.

    Proprio perché alimentate da una quantità ridotta di energia, anche per quanto riguarda la sostenibilità ecologica le lampadine a basso consumo, se smaltite nel modo corretto, sono un ottimo investimento. Infatti, anche le lampadine Led contengono al loro interno una dose di mercurio, molto minore rispetto a quella contenuta dalle lampade alogene, che le etichetta come rifiuto RAEE.

    Ricapitolando, per ferrarsi in materia di smaltimento dei rifiuti luminosi, è necessario prestare attenzione al fatto che non tutte le tipologie di lampadine appartengono alla stessa categoria di rifiuti.

    Le apparecchiature per l'illuminazione e le lampadine a basso consumo sono rifiuti speciali, in quanto fragili e costituiti soprattutto da vetro, oltre che da materiali in parte potenzialmente pericolosi.

    La raccolta differenziata è prevista per lampade fluorescenti compatte, tubi fluorescenti, lampade a scarica ad alta intensità, lampade a vapori di sodio e le lampade LED e deve avvenire secondo le norme previste dalla legge in materia per i materiali RAEE rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche.

    A questo proposito, ricordiamo che nessuna lampadina va gettata nella raccolta differenziata del vetro. Si tratta infatti di oggetti che oltre al vetro, contengono anche plastica e metalli, quindi la loro raccolta deve avvenire separatamente, per non ostacolare il riciclo del vetro.

    La presenza di mercurio all'interno delle sorgenti luminose varia a seconda della tipologia di lampada: le lampade fluorescenti lineari contengono fra 3 e 30 mg di mercurio, le fluorescenti compatte tra 5 e 10 mg, mentre le lampade a scarica ad alta intensità tra 20 e 50 mg di mercurio. La pericolosità di questo metallo è riconosciuta da numerosissimi studi. La raccolta differenziata dei rifiuti delle fonti luminose evita che questi siano trattati alla pari dei rifiuti solidi urbani.

    Da gennaio , secondo il D. Tutte le apparecchiature elettroniche devono riportare in modo chiaro, visibile ed indelebile, un'indicazione che consenta di identificare lo stesso produttore e il simbolo che indica che l'apparecchiatura deve essere oggetto di raccolta separata.

    Il Decreto prevede anche l'obbligo per i produttori di aderire a un Sistema Collettivo per la gestione dei RAEE, in funzione del tipo di apparecchiatura o del tipo di mercato servito.

    Scarica anche:SCARICARE MOLDIV

    Nuovi post