Esthergarvi

Esthergarvi

DOCET ENEA SCARICARE

Posted on Author Tegal Posted in Giochi


    Download: DOCET v. 3. *Attenzione: non è possibile caricare file creati con le precedenti versioni di DOCET* Requisiti minimi di sistema: Installazione di. logo ITC · Logo ENEA. IN PRIMO PIANO. NEWS: E' disponibile DOCET v​, la nuova versione del software DOCET implementata al fine di produrre un. Scarica qui l'ultima versione: DOCET v L'Enea ha fatto sapere che l'​ultima versione del software è stata implementata al fine di. ENEA e CNR hanno predisposto la versione aggiornata del DOCET, il software per la certificazione energetica Scarica Docet v

    Nome: docet enea
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file: 61.36 MB

    I calcoli e le verifiche devono essere eseguiti utilizzando metodi che garantiscano risultati conformi alle migliori regole tecniche, come le norme tecniche predisposte - ad esempio - da UNI e CEN. Nel disciplinare la materia, le Regioni e le Province autonome possono definire metodologie di calcolo della prestazione energetica degli edifici diverse da quelle nazionali, ma che trovino in queste stesse metodologie indirizzo e riferimento. Le Regioni e le Province autonome che hanno già una normativa in materia, devono attuare un graduale ravvicinamento dei propri provvedimenti con le norme statali.

    Le Linee guida si applicano alle Regioni e Province autonome ancora sprovviste di propri strumenti di certificazione, e comunque sino alla data di entrata in vigore degli strumenti regionali. Quelle che hanno già una propria normativa in materia Lombardia, Liguria, Emilia Romagna e Provincia di Bolzano dovranno adeguarla a quella statale.

    Joseph G. Daniele Invito a stare attenti con il Docet Pro e a controllare bene i valori forniti nelle tabelle riepilogative dei calcoli.

    O bisogna usare docet pro?

    Per i locali commerciali devi usare Docet Pro o simili , Docet normale è valido solo per edifici residenziali esistenti con superficie utile fino a mq. Prova MC , è gratuito, certificato CTI e completo per ogni tipo di edificio, nuovo ed esistente.

    Nel caso di locazione di singole unità immobiliari la sanzione è da euro 1. Il pagamento della sanzione amministrativa non esenta comunque dall'obbligo di presentare al Ministero dello sviluppo economico la dichiarazione o la copia dell'attestato di prestazione energetica entro quarantacinque giorni.

    Qual è la validità dell'Attestato di Prestazione Energetica?

    L'attestato di prestazione energetica ha una validità temporale massima di dieci anni a partire dal suo rilascio ed è aggiornato a ogni intervento di ristrutturazione o riqualificazione che modifichi la classe energetica dell'edificio o dell'unità immobiliare. Nel caso di mancato rispetto di dette disposizioni, l'attestato di prestazione energetica decade il 31 dicembre dell'anno successivo a quello in cui è prevista la prima scadenza non rispettata per le predette operazioni di controllo di efficienza energetica.

    A tali fini, i libretti di impianto sono allegati, in originale o in copia, all'attestato di prestazione energetica. In cosa consiste la procedura per il rilascio dell'APE?

    I più letti

    La procedura di attestazione della prestazione energetica degli immobili comprende una serie di operazioni svolte dai soggetti certificatori, ovvero: rilievo in sito sopralluogo obbligatorio e, se del caso, di una verifica di progetto, finalizzati alla determinazione dell'indice di prestazione energetica dell'immobile e all'eventuale redazione di una diagnosi energetica, per l'individuazione degli interventi di riqualificazione energetica che risultano economicamente convenienti.

    Queste operazioni comprendono: il reperimento dei dati di ingresso, relativamente alle caratteristiche climatiche della località, alle caratteristiche dell'utenza, all'uso energetico dell'immobile e alle specifiche caratteristiche dell'edificio e degli impianti, avvalendosi, ove disponibile dell'attestato di qualificazione energetica; l'individuazione del modello di calcolo, procedura e metodo, e la determinazione della prestazione energetica secondo i metodi di calcolo indicati ai precedenti capitoli, relativamente a tutti gli usi energetici pertinenti per l'edificio, espressi in base agli indici di prestazione energetica totale e parziali; l'individuazione delle opportunità di intervento per il miglioramento della prestazione energetica in relazione alle soluzioni tecniche proponibili, ai rapporti costi-benefici e ai tempi di ritorno degli investimenti necessari a realizzarle.

    La novità più rilevante rispetto alle precedenti linee guida sta nell'avere messo nero su bianco l'obbligo di sopralluogo. È ancora atteso invece il regolamento che definirà la figura del certificatore energetico.

    Tale dichiarazione oggi non è disponibile on-line su nessun sito, pertanto l'ultima versione del software DOCET v. Tale software non aggiornato risulterebbe attualmente inutilizzabile senza tale dichiarazione e soprattutto non adeguato alla nuova situazione normativa.


    Nuovi post