Esthergarvi

Esthergarvi

MODULO DOMANDA REI SCARICA


    Modulo Carta REI Reddito di Inclusione istruzioni per la compilazione modello Inps su come, dove a chi si presenta e quando la richiesta. Il modello ReI – Com deve essere compilato anche in caso di svolgimento di attività lavorativa dichiarata in sede di presentazione della domanda. Nei punti di accesso al REI viene offerta assistenza per la compilazione del modulo di domanda e vengono fornite informazioni, consulenza e orientamento. Si precisa, infine, che dall'accoglimento della domanda di Reddito/Pensione di Cittadinanza deriva la decadenza della domanda di REI. A seguito della.

    Nome: modulo domanda rei
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file: 61.19 MB

    Per coloro ai quali il Reddito di inclusione sia stato riconsciuto in data anteriore al mese di aprile , il beneficio continua ad essere erogato per la durata inizialmente prevista, fatta salva la possibilità di presentare domanda per il nuovo Reddito di cittadinanza.

    Il Reddito di inclusione non è compatibile con la contemporanea fruizione del Reddito di cittadinanza da parte di alcun componente il nucleo familiare. Nella valutazione della domanda si tiene conto delle informazioni già espresse nella Dichiarazione Sostitutiva Unica utilizzata ai fini ISEE.

    È importante quindi che il richiedente sia già in possesso di un'attestazione dell'ISEE in corso di validità alla data di presentazione della domanda. I residenti a Roma possono presentare domanda presso il Municipio di appartenenza. Iter della domanda Il competente Ufficio capitolino raccoglie la domanda, verifica i requisiti di cittadinanza e residenza e la invia all'Inps entro 15 giorni lavorativi dalla ricezione.

    Poste emette la Carta REI e tramite lettera invita il beneficiario a recarsi presso qualunque ufficio postale abilitato al servizio per il ritiro.

    Come si chiede il reddito di cittadinanza? Il modulo di domanda deve essere presentato dal richiedente alle Poste, o presso uno sportello Caf o ancora, telematicamente, attraverso il nuovo portale del reddito di cittadinanza Redditodicittadinanza.

    Come si comunicano le variazioni sul reddito di cittadinanza?

    Reddito di inclusione (REI)

    Per compilare questo modulo il sussidio deve risultare già in corso di erogazione. Non devono essere dichiarati i redditi da tirocinio, da attività socialmente utili e da lavoro accessorio.

    Col modello SR bisogna anche comunicare: lo stato detentivo o il ricovero in istituti di cura di lunga degenza o in altre strutture residenziali a totale carico dello Stato o di altra pubblica amministrazione, di uno o più componenti del nucleo familiare, successivamente alla presentazione della domanda di reddito o pensione di cittadinanza, o la cessazione di questo stato; le dimissioni volontarie dal lavoro, ad eccezione di quelle per giusta causa, di uno o più componenti della famiglia; ogni variazione del patrimonio immobiliare, mobiliare e dei beni durevoli intervenuta dopo il periodo considerato nella dichiarazione Isee in corso di validità, se comporta la perdita dei requisiti per la richiesta del reddito o della pensione di cittadinanza; queste variazioni vanno comunicate entro 15 giorni dal loro verificarsi.

    In questi casi, si deve comunicare la variazione patrimoniale, o riguardante i beni durevoli, entro 15 giorni: se la comunicazione non viene effettuata, si va incontro alla perdita del reddito e della pensione di cittadinanza, oltre alle sanzioni penali previste.

    Ma perché si dovrebbe rinunciare al beneficio?

    Comune di Brunate - Regione Lombardia

    In molti, purtroppo, hanno diritto a percepire importi molto esigui, sino a euro al mese, alcuni addirittura hanno diritto a soli 40 euro mensili. Insomma, troppi oneri e troppi rischi, in cambio di poco. Ne abbiamo parlato in: Rinuncia al reddito di cittadinanza.

    La rinuncia comporta la disattivazione della carta Rdc, con decorrenza dal momento della rinuncia stessa: eventuali importi residui ancora presenti nella carta non saranno più utilizzabili. La rinuncia non comporta in alcun modo la riattivazione del Rei, nel caso in cui la famiglia ne fosse beneficiaria prima della richiesta di Reddito di cittadinanza. Per approfondire: Reddito di cittadinanza, controlli a tappeto della finanza.

    Per saperne di più: Nuovo Isee, che cosa cambia. Nessuna preclusione del reddito di cittadinanza per i nuclei familiari dei lavoratori che hanno rassegnato le dimissioni, più elasticità per gli stranieri extracomunitari che non riescono a procurare dal Paese di origine i documenti richiesti per il sussidio.

    E ancora: come aver diritto al Rdc in caso di separazione e divorzio, che cosa fare se si ricevono dei soldi o si trova un nuovo lavoro, chi è esonerato dagli obblighi in materia di lavoro. Integrazione delle domande di Rdc presentate nel mese di marzo A decorrere da ottobre , il contenuto delle dichiarazioni già rese da coloro che hanno presentato la domanda di Reddito di cittadinanza nel mese di marzo deve essere allineato a quello previsto a regime dopo la conversione in legge del decreto, conformemente ai nuovi modelli.

    Progetti utili alla collettività: chiamata per migliaia di beneficiari di Rdc Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, ha firmato il decreto contenente le linee guida per i Comuni sui lavori di pubblica utilità da assegnare a chi percepisce il Reddito di Cittadinanza; sulla base di questo documento, i Comuni potranno avviare a breve i PUC, Progetti Utili alla Comunità.

    Guarda questo:SCARICARE QIX

    In queste settimane saranno dunque chiamati a prestare servizio a favore del proprio Comune di residenza tutti i beneficiari del Rdc non esonerati dagli obblighi connessi alle politiche attive del lavoro. Il servizio reso è gratuito, o meglio è compensato dalla percezione del reddito di cittadinanza.

    Il REI sarà riservato a una platea di cittadini molto vasta. In futuro si pensa di poter estendere gradualmente il beneficio a una platea di cittadini sempre maggiore ed eventualmente anche ad un incremento del beneficio. Chi sono i soggetti interessati.

    I soggetti che possono accedere al REI sono: cittadini italiani; cittadini comunitari; familiari di cittadini italiani o comunitari, non aventi la cittadinanza in uno Stato membro, titolari del diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente; cittadini stranieri in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo; titolari di protezione internazionale asilo politico, protezione sussidiaria.

    Tutti devono essere residenti in Italia da almeno due anni al momento della presentazione della domanda.

    A tale proposito vedi anche Rei, reddito di inclusione stranieri. Quadro informazion aggiuntive: se la famiglia ha i requisiti per ottenere l'accesso all'assegno nucleo con 3 o più figli il cd. Quadro F condizioni per accedere e fruire del REI: si accetta di dichiarare di aver preso atto di quanto riportato nel quadro F, ossia, le sanzioni reddito di inclusione.

    Vediamo ora come e dove presentare la domanda di reddito di inclusione.


    Nuovi post