Esthergarvi

Esthergarvi

MUSICA DA YOUTUBE CON LINUX MINT SCARICARE

Posted on Author Gajin Posted in Musica


    Contents
  1. YouTube to MP3 Converter
  2. YouTube to MP3 Converter
  3. Installare Android File Transfer su Linux Mint
  4. Programmi per scaricare musica gratis: la guida definitiva

Scopri come scaricare Mp3 da Youtube con Ubuntu in semplicità, e se per Windows esistono moltissimi programmi specifici, in Linux spesso ci si e nella sezione chiamata “Musica” imposta il Bitrate massimo Kpbs. In questa guida odierna vi spiegheremo nel dettaglio come scaricare musica da YouTube utilizzando varie soluzioni che vanno dai programmi. In passato ho pubblicato alcuni articoli su come scaricare musica da youtube Come scaricare i video o le tracce audio di YouTube dal terminale Linux per distribuzioni basate su Debian come Ubuntu e Mint il comando è. Linux & Open Source - Scaricare un video da YouTube senza installare alcun programma o plugin per il nostro browser preferito, con Ubuntu è possibile e facile.

Nome: musica da youtube con linux mint
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file: 25.69 Megabytes

Forse non tutti sanno che è per vedere i video di Youtube non è indispensabile avere un browser ed accedere alla pagina della piattaforma di video online più popolare del pianeta.

È possibile infatti avere accesso a questi contenuti audiovisivi anche con altri strumenti. È un client disponibile nelle sorgenti ufficiali. Permette anche il download dei video. Si tratta di un altro semplice client. È basato su SMPlayer. Come Minitube, permette il download dei video.

Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Chrome. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Internet Explorer. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Safari.

Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Opera. Servizi di Google. Home Forum. Passione x Ubuntu Software Libero. Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di piu' Approvo.

YouTube to MP3 Converter

Informativa privacy sui cookie Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare questo sito web fa uso di cookie. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Firefox Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Chrome Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Internet Explorer Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Safari Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Opera Come disabilitare i cookie di servizi di terzi Servizi di Google.

Date Ufficiali Ubuntu Ubuntu su una chiavetta USB. Windows 10 e Ubuntu MEGA Password-dimenticata. Sito Joomla. Login Utente Nome utente. Donazione -A- Ubuntu. Siti Amici Consulenza Fiscale danzi s. Download MediaHuman v. Ti piace ascoltare la musica e scaricarla dal sito web YouTube o Vimeo , ma vuoi farlo in modalità offline sul tuo lettore preferito Tablet, iPad senza consumare i gb.

YouTube to MP3 Converter

Un dual-core come CPU è il minimo, per intenderci. E almeno un giga di RAM ovviamente. Non do supporto tecnico privatamente email, FaceBook, social network eccetera perché Linux è basato sulla condivisione della conoscenza e quindi è giusto chiedere e rispondere tutti insieme, nella comunità, in modo che tutti ne giovino.

Oltretutto, io non ho la possibilità di provare schede varie, quindi per schede particolari io non ho proprio la possibilità materiale di rispondervi. Invece per le questioni tecniche ecco dove chiedere e dove trovare risorse interessanti: Ubuntu-it Forum — Multimedia : Sezione multimedia del forum italiano di Ubuntu, la sezione più adatta per fare domande su singoli software di questa guida. Ubuntu-it Forum — Consigli per gli acquisti : Qui potete chiedere quale scheda comprare nel caso non ne abbiate una buona o compatibile con Linux.

Qui invece trovate varie risorse per approfondire e ampliare i temi trattati in questa guida: Martjan Planet : Un ottimo blog italiano dedicato alle tematiche trattate in questa guida. Homestudio Italia : Forum italiano di musica e PC in generale. È perfetto per stare su una partizione o un hard disk a parte. Teoricamente sarebbe possibile aggiungere le sorgenti di KXStudio al sistema operativo e si potrebbe far funzionare tutto assieme con un semplice click, ma KXStudio è rimasto ancora a Ubuntu Se si aggiungono le sorgenti di KXStudio a Ubuntu Tutto questo sarà risolto senza alcun problema appena KXStudio passerà, come annunciato, alla versione Prima di tutto controlliamo di avere abilitato tutte le sorgenti software da cui scaricheremo i programmi.

Riferitevi sempre alla guida sopra citata capitolo Se decidete per i Calf in Ardour: sudo apt-get remove --purge calf-ladspa. Riavviate il PC. Tra i vari strumenti che abbiamo installato, ci sono anche dei programmi che gestiscono intere orchestre.

È necessario avere almeno un buon banco standard: i MIDI file che scaricate in giro sono quasi tutti fatti per soundfont GM, per cui alla traccia del pianoforte è assegnato lo strumento 01 che nello standard GM è sempre il pianoforte e a quella degli archi sempre lo strumento numero 50, e via dicendo.

Ci sono poi quelli non standard. Con quelli non potrete far suonare in fretta un MIDI file acquistato o scaricato, ma vi potranno servire per le vostre composizioni o per migliorare la resa di un MIDI file. In genere si usa per il Karaoke.

Installare Android File Transfer su Linux Mint

Per trasformarli in sf2 dovete usare dei programmini free. Una volta installato funzionerà bene con wine. Più avanti vediamo come fare. Prima di tutto cerchiamo di capire cosa stiamo facendo. Gestisce direttamente le schede sonore. Ma per la produzione musicale ci serve parlare direttamente con ALSA, quindi mentre produciamo Pulseaudio veniva disattivato automaticamente da Jack.

Nota: se volete sincronizzare VLC, quindi il video, a Jack, avete appena installato un componente che ve lo permette.

Ha già tutto quello che la stragrande maggioranza dei compositori e DJ desiderano per creare musica partendo da campioni, sintetizzatori, linee di basso e linee di percussioni. Oltre ad avere effetti suoi, ha anche tutti quelli che potrete vedere in seguito leggendo questa guida. Con la mia Focusrite Scarlett 2i2 i volumi e il monitoring si controllano direttamente dalle manopoline.

Quindi, se avete una scheda interna, aprite il terminale e digitate: alsamixer Se parte, controllate che si tratti proprio della scheda sonora che volete usare: in alcuni casi, specie se avete una scheda video con uscita HDMI o se avete una scheda sonora aggiuntiva professionale, alsamixer parte con la scheda sbagliata. Se avete più schede sonore, premete F6 e selezionare la scheda sonora che volete configurare. Regolare i volumi è fondamentale.

Per ora ovviamente regolateli a occhio, dato che siete ancora con Pulseaudio e non ha senso ascoltare qualcosa gestito da Pulseaudio per regolare i volumi su ALSA. In seguito vedrete che, mentre usate i vari programmi audio con Jack attivo, questo alsamixer sarà sempre un vostro fido compagno. Per uscire premete il tasto ESC. È probabile che una volta riavviato il computer, tutta la configurazione di alsamixer tornerà ai valori preimpostati.

Se volete disattivare per sempre la scheda sonora che vi dà fastidio per esempio una scheda sonora integrata che non vi serve più a nulla perché avete comprato una scheda professionale PCI potreste disattivarla direttamente dal BIOS del computer, ammesso che sappiate fare.

Ma in certi casi il sistema la vede lo stesso. Quindi la cosa migliore è disattivarla. Se non volete disattivare alcuna scheda, saltate pure e andate al paragrafo successivo. Al riavvio, non vedrete più traccia di quella scheda sonora.

Il kernel decide le priorità e i tempi da assegnare a queste interruzioni. Mentre registriamo invece ci occorre che questa latenza sia minima, cioè che mentre suoniamo con la chitarra e il PC registra magari assegnando anche degli effetti, tutto il resto debba andare in secondo piano.

In particolare, Jack sa benissimo come sfruttare automaticamente al massimo questo kernel, e tutto quello che dipende da Jack avrà priorità assoluta su tutto il resto. Come dicevo, Jack è il cuore del sistema audio su cui lavoreremo. Con i parametri che vedete in figura a me funziona molto bene, ma siete liberi di provarne altri.

Programmi per scaricare musica gratis: la guida definitiva

Un consiglio: per questo e gli altri programmi impostate sempre la frequenza a se volete realizzare solo musica, ma se dovete realizzare cose che andranno sincronizzate a del video per finire in un DVD, usate in questo e in tutti gli altri programmi Non dovete copiare pari pari le impostazioni e poi chiedere perché non va.

Dovete prima leggere tutto questo paragrafo, capire come funziona Jack e adattarlo alla vostra configurazione. Jack è il cuore di tutto il sistema. Vi permette di sincronizzare tutte le applicazioni e di fare da super patch-bay. Mi spiego meglio: su Windows in genere avete una suite commerciale costosissima che fa tutto Acid, Cubase, Sonar, eccetera.

Con Linux invece abbiamo tanti programmi che si occupano di tante cose diverse. Immaginate di avere uno studio di registrazione audio professionale: avrete decine e decine di strumenti, apparecchi, mixer, effetti, eccetera. Diventereste pazzi a collegare ogni volta tutti i cavi: molto meglio collegare tutti gli strumenti e gli effetti a un unico apparecchio, che istruirete con varie configurazioni.

Più avanti vedremo qualche esempio pratico.

Realtime Tempo Reale — Se viene selezionato, Jack usa al massimo il kernel lowlatency. È consigliatissimo usarlo sempre. Conviene deselezionarlo, perlomeno quando registrate. Serve per registrare tutto quello che sentite , in sostanza. Force 16bit Forza 16bit — Da selezionare solo se la vostra scheda non supporta alcun altro bitrate.

In generale lasciatelo deselezionato, e selezionatelo solo se riscontrate problemi. Se la vostra scheda audio non la supporta, semplicemente non la userà. Quindi tanto vale lasciarlo selezionato. Potete vedere la latenza di Jack crescere e decrescere in basso a destra nella finestra delle opzioni a seconda di quanto variate questo parametro.

In genere su una buona scheda e un buon sistema si assesta sui o Su schede scarse tutte quelle integrate per esempio o sistemi poco performanti dal Pentium 4 compreso o Duron in giù o mal supportati si va sui o Poi se tutto funziona andate su , eccetera finché non dà troppi xrun.

Con la mia Scarlett e un i5 con 12GB di RAM, qui posso impostare anche 64 che in fase di registrazione non mi fa alcun xrun. Se uso parecchi efftti o strumenti magari via VST di Windows, riesco comunque a impostare questo parametro su senza avere alcun xrun.

Sample rate Campionamento — se lavorate per un CD. Con la mia Focusrite posso impostare la frequenza che mi serve senza problemi. Quindi generalmente mi basta Selezionate il più basso possibile che fa partire jack. In genere è 2. Per la Scarlett invece si ottengono risultati incomparabilmente migliori scegliendo 3. Gli altri parametri sono compromessi vari. Interface Interfaccia — Se avete più di una scheda, è il parametro che vi permette di scegliere quale scheda sonora deve usare Jack : selezionate la scheda sonora giusta, quella che volete far usare a Jack.

Se per qualche strana ragione il sistema dovesse andare in tilt quando chiudete Jack, provate a disabilitare questa opzione. Questa impostazione, quando farete le connessioni tra i vari programmi e strumenti ed effetti, invece di linee dirette disegnerà curve che molti ritengono più leggibili ed eleganti. Se tutto va bene, continuate con la guida.

Se non parte provate a cambiare i parametri. Se proprio non trovate alcuna configurazione giusta, provate a chiedere sul Forum Ubuntu-it nella sezione Multimedia. In basso a destra nelle impostazioni di Jack vi dà la latenza del vostro sistema. Vediamo come. Come dicevamo prima, il cuore di tutto è Jack. Dobbiamo in pratica dir loro di usare sempre Jack come trasporto. In pratica ha al suo interno un doppione di QJackctl quindi se usate solo Ardour vi conviene non lanciare Jack.

Virtual MIDI Keyboard si vede già nelle connessione di Jack ma è estremamente poco curato come funzioni e anche come grafica.

Prendeo Play su uno, andranno in Play tutti gli altri. Ovviamente dovete fare lo stesso per tutti gli altri programmi che usate eventualmente: Muse, LMMS e via dicendo. Fin qui dobbiamo solo sincerarci che Jack parta e che i programmi partano assieme se messi in play. Se non si sente nulla, non è un problema, dobbiamo ancora configurare molte cose. Ne parleremo più avanti, ma sia chiaro che avete già a disposizione senza doverli configurare una grande quantità di sintetizzatori: Hexter che imita il vecchio Yamaha DX7 , Bristol che imita i vari Moog , ZynAddSubFx, Aeolus, e tantissimi altri.

Aprendo qualsiasi programma di gestione MIDI come Rosegarden, cliccando sulle uscite disponibili per ogni traccia troverete vari sintetizzatori, altri ancora sono programmi a sé stante e quindi li dovrete lanciare prima e poi collegarli ai programmi come Rosegarden, eccetera.

Lo vedremo quindi per primo.

Poi vedremo qualche raffinatezza, come Timidity per i sistemi più scarsi o asfxload per i soli possessori di schede sonore Creative SoundBlaster. Si possono usare anche quelli, vederemo in seguito come.

Per ora focalizziamoci sugli strumenti nativi per Linux. La prima cosa da fare è dirgli dove sono i soundfonts. Spostandoci negli altri settaggi avremo questa configurazione occhio alla frequenza nel caso del video :. Non aggiungetene troppi: occhio alla CPU e alla memoria! Potete aggiungere quante istanze volete, ma occhio alla memoria del PC. Più avanti vedremo come usarle in Rosegarden.

È un software ormai sempre meno utilizzato. Non basandosi su Jack poi ha una latenza enorme e risponde poco ai software moderni. Lo trovate come uscita in tutti i programmi che fanno uso del MIDI. Per far questo apriamo il file timidity. In realtà dovreste crearvi un file cfg con tutti i dati gli strumenti del soundfont ma lasciate perdere, al limite non vedrete in eventuali programmi le caratteristiche dei vari strumenti del soundfont. Cioè: commentate con quello che non usate, e decommentate quello che usate.

Salvate e uscite. Ascoltate la canzoncina con i nuovi suoni. Infine, vediamo di cambiare Timidity per le CPU o le schede sonore poco efficienti. Il campionamento, gli effetti, eccetera. Lanciate Timidity, ascoltate e decidete se il rapporto fra qualità ed efficienza è buono.

Questo paragrafo è solo per i possessori di una Creative SoundBlaster originale. Se non la possedete, saltate pure al paragrafo successivo. Se non avete la funzione Wavetable, saltate pure questo paragrafo. Per far funzionare i VST su Ubuntu Il primo è più adatto se usate gli effetti e gli strumenti VST principalmente in Ardour, come plugin.

Il secondo se volete avere gli effetti e gli strumenti esternamente, in un rack da interfacciare a piacimento agli altri programmi tramite Jack. In realtà si possono usare anche i VST da soli esternamente con il primo metodo e come plugin col secondo metodo, ma è più complicato. Quindi è solo una questione di comodità, o di come vi trovate meglio. Io personalmente uso linVST quasi sempre, e Carla per testare al volo nuovi plugin free che scarico ogni tanto.

Esempio: avete un bellissimo VST distorsore e volete aumentare e diminuire il boost durante la canzone? Altro vantaggio supremo: un plugin collegato via Carla ad Ardour va poi registrato in audio per essere aggiunto al progetto. Rileggete questo passaggio quando sapete usare bene Ardour: se voglio usare un sintetizzatore VST in Ardour, non posso usare Carla e fare una mandata esterna, devo per forza creare una traccia MIDI e usare il sintetizzatore VST come strumento, come plugin.

Nel capitolo 7 vediamo un esempio passo passo. Ma se fa funzionare le cose per Windows su Linux, come fa a non essere un emulatore?

Le applicazioni di Windows come forse vi sarete accorti sono dei file eseguibili. Wine semplicemente è un software che va a sostituire tutte le dll di Windows con altre dll che invece di parlare a Windows parlano a Linux.

In questo modo i file. Siamo pronti per tutto il resto. Funzionano sia i VST a 32 bit che quelli a 64 bit. Ma se dovete scaricare un VST e dovete decidere, molto meglio se scaricate la versione a 64 bit. Lanciato Carla, bastarà aprire un file. LinVST è una libreria che permette di trasformare i file. Copiati questi file.


Nuovi post