Esthergarvi

Esthergarvi

SPESE TELEFONICHE RICARICABILI SCARICARE

Posted on Author Nikorn Posted in Rete


    Sono deducibili all'80% i costi relativi alla telefonia mobile, ossia i cellulari (prima del era al 50%);. Sono deducibili all'80% anche i costi relativi alla telefonia fissa (prima del era al %). Dal , la percentuale di spese telefoniche detraibili è dell'80%: ecco come funziona nel dettaglio, e quali costi riguarda. un professionista quanto può scaricare dalle tasse del costo di un I costi sostenuti per le spese telefoniche, presentano due aspetti da.

    Nome: spese telefoniche ricaricabili
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file: 30.56 Megabytes

    Detraibilità Iva ricariche telefoniche. Principio di inerenza. Cessione del bene. In caso di cessione ad esempio del telefono cellulare oggetto al suo acquisto di detrazione IVA, la base imponibile ai fini IVA, quindi il valore normale, è costituita dalla percentuale del prezzo di vendita corrispondente alla percentuale di via detratta a monte, secondo inerenza.

    Deducibilità costi telefonici.

    Il vantaggio è quello di avere un certo numero di minuti senza scatto alla risposta e di SMS verso tutti ogni mese, pagando un canone accessibile.

    Le migliori tariffe di telefonia mobile le puoi trovare e confrontare direttamente su ComparaSemplice. Tuttavia, potrebbero esserci casi in cui le tariffe a consumo sono ancora convenienti. Se, ad esempio, utilizzi poco o nulla una connessione Internet mobile o non hai proprio bisogno di Internet su cellulare, allora non avrebbe molto senso attivare un'offerta dati.

    Stesso discorso se utilizzi poco le chiamate e sms: pacchetti di minuti e messaggi hanno comunque dei costi che potrebbero essere superiori alla spesa di una tariffa a consumo. Quale opzione scegliere, quindi?

    Dettaglio delle chiamate per clienti ricaricabili

    Se fate parte di quella fascia d'utenza che non utilizza spesso il cellulare, non ha bisogno di una connessione Internet mobile ma utilizza il telefono prevalentemente per ricevere, inviare pochi sms e effettuare telefonate sporadiche, probabilmente le tariffe a consumo possono essere una buona soluzione. Sul mercato trovate diverse possibilità: le tariffe a consumo TIM, Wind, Vodafone e Tre sono quelle più diffuse ma anche altre compagnie, come ad esempio PosteMobile e CoopVoce, offrono dei piani interessanti.

    Ad esempio, troviamo tariffe con chiamate che non prevede lo scatto alla risposta: sono piani ideali se si effettuano brevi telefonate. Le chiamate con scatto alla risposta, invece, sono più adatte a chi sta più al lungo al telefono, perché hanno di solito una tariffazione al minuto più conveniente rispetto ai piani senza scatto.

    Ricaricabile

    Per quanto riguarda gli sms, è difficile poter avere un quadro generale: i costi, infatti, variano notevolmente, anche tra una tariffa e l'altra di uno stesso operatore telefonico. Di solito i piani a consumo prevedono cent di spesa per ogni messaggio inviato verso qualsiasi operatore, ma non mancano tariffe a condizioni migliori. Cercate il profilo più equilibrato che possa offrire una tariffazione adeguata di chiamate e sms in base alle vostre abitudini d'utilizzo.

    Cessione del bene. In caso di cessione ad esempio del telefono cellulare oggetto al suo acquisto di detrazione IVA, la base imponibile ai fini IVA, quindi il valore normale, è costituita dalla percentuale del prezzo di vendita corrispondente alla percentuale di via detratta a monte, secondo inerenza.

    Deducibilità costi telefonici. Questa possibilità di deduzione è riservata ovviamente ai titolari di partita IVA, aventi un lavoro autonomo anche come liberi professionisti.

    La Legge Finanziaria del , la legge n. Per poter portare in deduzione i costi di telefonia, il contribuente dovrà sottoscrivere un contratto con il gestore telefonico di uso affari, quindi un contratto di telefonia mobile versione business, con la tassa di concessione governativa di 12,91 euro. Deducibilità tassa di concessione governativa.

    L'Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. La tassa rappresenta un costo telefonico e quindi è deducibile. Il vantaggio degli oneri deducibili.

    Quali costi sono deducibili.


    Nuovi post