Esthergarvi

Esthergarvi

PLUGIN FREEPOPS DI LIBERO SCARICA

Posted on Author Doulrajas Posted in Sistema


    Contents
  1. Leggere le email di Libero su Outlook Express [Guida FreePOPs]
  2. INFORMAZIONI E DOMANDE FREQUENTI (FAQs):
  3. [Risolto] Problema FreePOPs e email Libero (password non accettata) – FOLBlog
  4. FreePOPs - Moduli

Per scaricare le mail da Libero usando Outlook Express, Outlook, Ciascuno dei plugin LUA che gestisce il collegamento di FreePOPs ai vari. 6 Plugin. Qui diamo una descrizione dettagliata di ogni plugin, ma prima di iniziare .. Scaricabile da: esthergarvi.com?module=libero .lua. esthergarvi.com: Questo plugin supporta in pieno la webmail di hai bisogno della versione SSL di FreePOPs, quindi se usi Windows scarica il file. MacFreePOPs include la versione binaria ufficiale di FreePOPs per Mac OS X e permette . il percorso da terminale del plug-in "esthergarvi.com" è.

Nome: plugin freepops di libero
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file: 42.53 Megabytes

Immagino che molti di voi conoscono il progetto Freepops. Questo programmi permette di scaricare la posta elettronica senza accedere direttamente via web. Naturalmente è rivolta a quei servizi che non offrono un server pop3 o imap oppure che, come nel caso di libero, lo offrono solo se ti colleghi tramite il relativo operatore. Grazie a freepops è possibile quindi scaricare sul proprio client di posta la mai.

Il caso più diffuso è quello di libero che consente solo a chi si connette con libero di accedere al server pop. Nel seguito una breve guida per rendere freepops funzionante e configurare il download delle mail su un client di posta.

Le cartelle standard disponibili sono inbox, starred, sent, all, spam, trash. Questo è un esempio di uno user name per leggere la cartella starred: foo gmail. Questo è un esempio di uno user name per leggere la cartella personalizzata Amici: foo gmail. Necessita di: FreePOPs 0. Quella di default è Inbox. Se il valore è 1 questo comportamento viene attivato. Descrizione: Questo è un plugin specializzato per tenersi aggiornati sulle ultime versioni del kernel Linux.

In ogni pacchetto è infatti presente il file ChangeLog che descrive le novità apportate dagli autori.

Guarda questo:JAVA RUNTIME SCARICA

Anche il kernel Linux ha un ChangeLog per ogni versione nuova. Se desideri essere aggior nato sulle novità apportate nelle versioni del kernel e, quindi, visionare il ChangeLog, puoi utilizzare questo plugin. Sarà sufficiente inserire come nome utente qualcosa kernel.

Come password è possibile inserire una qualsiasi stringa casuale. IT Versione: 0.

Leggere le email di Libero su Outlook Express [Guida FreePOPs]

Paramtero: folder Serve per selezionare la cartella inbox è quella di default su cui operare. Le cartelle standard disponibili sono draft, inbox, outbox, trash. Se hai creato delle cartelle dalla webmail allora puoi accedervi usando il loro nome. Questo è un esempio di uno user name per leggere la cartella son, che è una sotto cartella della cartella father: foo libero.

Versione: 0. Paramtero: —name—. Parametri: folder La cartella da ispezionare. Forza il plugin a svuotare il cestino quando ha finito di scaricare i messaggi.

Attivato dal valore 1. Leggi i parametri per conoscere le feature di cui dispone Parametri: realusername Se lanci il plugin con username foo popforward. If host is a lua function you can set that changing the config. Con 0 li filtra tutti. Default: 0. Paramtero: folder La cartella che vuoi ispezionare. Dominio regex : Descrizione: Questo plugin vi permette di leggere le mail in una webmail fatta con squirrelmail.

Per ora supporta solo la versione 1. Descrizione: Questo plugin vi permette di leggere le mail che avete in una mailbox virgilio. Per usare questo plugin dovete usare il vostro indirizzo email completo come username e la vostra password reale come password. Ecco un esempio di user name per controllare la cartella Spam: foo virgilio.

Da notare che il limite citato è indicativo e che il numero esatto di e-mail effettivamente scaricate potrebbe essere superiore al valore specificato dipende dal numero di messaggi per pagina da visualizzare, impostato nelle opzioni della webmail per la propria casella di posta. Descrizione: Per usare questo plugin dovrete impostare nel vostro client di posta come nome utente il vostro numero di telefono nel formato tre.

Parametri: purge Elimina automaticamente la posta cancellata dal cestino.

INFORMAZIONI E DOMANDE FREQUENTI (FAQs):

Se hai creato delle cartelle dalla webmail allora puoi accedervi usando il loro nome con il suffisso INBOX.. Parametri: folder Viene usato per scegliere la cartella Inbox è il default con cui volete interagire. Se avete creato delle cartelle potete usarle con i loro nomi. I valori possibili sono All tutti , Unread non letti e Flag. Il file RSS indicizza le news, fornendo un link verso di esse.

Per usare questo plugin dovete usare un nome utente casuale con il suffisso aggregator es. Per comodità abbiamo aggiunto per voi alcuni alias. Abbiamo aggiunto alcuni domini, per esempio securityfocus. Per usare questi alias Questa è la lista di alias per il plugin aggregator. Dato che in un sito FlatNuke le news sono memorizzate in semplici file XML questo plugin è in grado di prelevare tutte le news, non solo le intestazioni come il plugin aggregator.

Per usare questo plugin dovete avere un nome utente con il dominio flatnuke es. Ci sono alcuni alias per siti FlatNuke, vedi la documentazione del plugin aggregator per sapere cosa significa: aggregatordomain. LUA è un linguaggio di scripting piuttosto semplice, facile da imparare, e facile da leggere. Dovreste tenere un web browser aperto alla pagina della documentazione sui moduli LUA mentre scrivete un plugin. Dopo aver creato un prototipo, dovreste leggere un plugin completo.

Il plugin libero. Questo significa che ogni software che fa uso del codice di FreePOPs deve essere rilasciato sotto la stessa licenza. Questo include i plugin. C: DELE 1. In questa sessione il backend verrà chiamato per le righe 4, 6, 8, 10, 14, 18, 20 tutte le righe C: e rispettivamente le funzioni che implementano i comandi POP3 verranno chiamate in questo modo user p,"linux kernel.

Speriamo di toglierlo e renderlo implicito per completa trasparenza. Per ottenere questo ogni funzione dei plugin deve restituire un flag di errore, per essere più precisi uno di questi errori: Code. Solitamente è molto comune mettere insieme più funzioni. La soluzione è usare un callback. Ora con il vostro editor migliore suggeriamo vim su Unix e scintilla per win32, visto che supportano il syntax highlighting per LUA, ma qualsiasi altro editor di testo va bene aprite foo.

Ora abbiamo un plugin vuoto, ma non è abbastanza per iniziare a farci hacking. Dobbiamo aprire il file config. Prima di finire il primo passo dovreste provare se il plugin viene correttamente attivato da FreePOPs quando necessario. Per questo dovremo aggiungere alcune righe a foo.

Ora la funzione user fallisce sempre, restituendo un errore di autenticazione. Dovrete ora lanciare FreePOPs se è già in esecuzione non è necessario farlo ripartire e lanciare telnet sotto win32 dovreste aprire un prompt DOS, sotto Unix avrete una shell e digitate telnet localhost e poi digitate user test foo. Connected to garfield.

Il server risponde chiudendo la connessione e stampando un messaggio di autorizzazione fallita va bene, dato che la funzione user del nostro plugin restituisce questo errore.

Nel file standard error la console sotto Unix, il file stderr. Il protocollo POP3 ha due comandi per il login, user e pass.

Prima il client esegue uno user, poi dice al server la password. Come abbiamo già visto nella panoramica questo significa che prima verrà eseguito user e poi pass. Ip address 0. Ip address Questo è il plugin che ha dato questo output:. Qui vediamo delle importanti novità.

[Risolto] Problema FreePOPs e email Libero (password non accettata) – FOLBlog

Per ora ci abbiamo messo il nome utente e la password. La funzione pass allo stesso modo memorizza la password nella tabella globale e stampa qualcosa. Ora che sappiamo come FreePOPs si comporterà durante il login dobbiamo implementare il login nella webmail, ma prima decommentiamo alcune righe nella funzione init chiamata alla partenza del plugin , la quale carica il modulo browser.

Ecco la pagina di login della webmail vista con Mozilla e il codice sorgente della stessa pagina con Mozilla lo si vede con Ctrl-U, figura 5. Abbiamo due campi di input, uno chiamato username e uno chiamato password. Ora vogliamo riprodurre la stessa richiesta HTTP con il nostro plugin. Ora che abbiamo fatto login, vogliamo controllare la pagina risultante, e magari estrarre un ID di sessione che useremo poi.

Guardiamo i sorgenti della pagina. La stat è probabilmente la funzione più importante. Essa deve prelevare la lista dei messaggi nella webmail, il loro UIDL e la loro grandezza. Nel nostro esempio useremo il modulo mlex per tirare fuori le informazioni importanti dalla pagina, ma potete usare il modulo per le stringhe di LUA per fare la stessa cosa con i capture.

Come vedete i messaggi sono in una tabella, e tale tabella ha la stessa struttura per ogni messaggio. Proprio questo è il posto in cui usare mlex.

Ecco cosa abbiamo ottenuto dovrebbe essere tutto sulla stessa riga, qui andiamo a capo per mancanza di spazio dal primo messaggio. Questa espressione è usata per fare match con la riga della tabella che contiene informazioni sul messaggio. Ora copiate e incollate a parte la riga e sostituite ogni spazio e ogni tag con O la lettera, non la cifra 0 o X.

Mettete una X nei campi interessanti nel nostro esempio la grandezza e il tag input, che contiene lo UIDL del messaggio. Mentre la prima espressione verrà usata per fare match con la riga della tabella, questa verrà usata per estrarre i campi importanti. Il codice sorgente riportato sopra usa mlex per estrarre le due stringhe interessanti, poi la scorre cercando la grandezza, il suo moltiplicatore e lo UIDL.

Di seguito imposta gli attributi dei messaggi. Potete vedere che abbiamo processato solo il primo messaggio. Quindi cambiamo le espressioni in. Ora abbiamo una vera e propria funzione stat che riempie la struttura dati popstate con le informazioni di cui il server POP necessita per rispondere ad una richiesta di stat.

Esso verrà spiegato nel prossimo passo, ma dobbiamo aggiungere due righe importanti alla funzionestat per evitare una doppia chiamata. La funzione più importante è pronta, ma dobbiamo fare delle precisazioni. Primo, mlex è molto comodo a volte, ma potreste trovare più utile la libreria per le stringhe di LUA o la libreria regualerexp espressioni regolari estese posix per raggiungere lo stesso scopo. Secondo, questa implementazione si ferma alla prima pagina di inbox.

Terzo, non facciamo nessun controllo degli errori. Ecco la nostra implementazione di queste funzioni -- Fill msg uidl field function uidl pstate,msg return common. Considerate che facciamo il POST solo se almeno un messaggio è segnato per la cancellazione. Implementare la funzione retr è di solito facile.

Dipende in realtà dalla webmail, ma qui parleremo del caso semplice, mentre alla fine del tutorial vedrete come gestire webmail complesse. Ci sono solo due questioni interessanti in questo caso, e cioè quelle relativa ai messaggi grandi al punto. I messaggi grandi causano timeout. Per cui, dobbiamo mandare dati al client di posta appena possibile.

Ma questa è la seconda questione interessante. Ma che succede se una riga, dentro il corpo della mail, è un semplice punto? Il callback di invio verrà chiamato con dati freschi, e più di una volta se la mail è grande. E se il pattern cercato è troncato tra due chiamate il metodo string. Per questo il modulo stringhack ci viene incontro. Infine, il codice della retr.

La multi-page stat è la vera buona implementazione per stat. Abbiamo detto sopra che la nostra implementazione elenca solo i messaggi nella prima pagina. La variabile uri in questione sarà usata dalla funzione di prelevamento. Le uniche cose strane sono la funzione di prelevamento e quel che serve per salvare la sessione. Dato che le webmail a volte fanno timeout dovreste controllare se la pagina prelevata sia valida o no, ed eventualmente ritentare il login.

Il salvataggio della sessione è la prossima questione. Salvare la sessione è il modo per rendere FreePOPs davvero simile ad un browser. Per fare questo avete bisogno di una funzione key che crea un ID unico per ogni sessione The field b is the problem. This means -- that it is a table and no problem for this that has some field that are -- pointers to functions.

Non dimenticate di chiamare session. Per procedere, è sufficiente collegarsi con l'indirizzo liberomail. Nella sezione Criteri bisognerà scegliere Qualsiasi destinatario , Contiene quindi indicare il proprio indirizzo e-mail libero. Nella sezione Azione , invece, va scelto Inoltra a e specificato l'indirizzo di posta verso il quale si desidera che i messaggi vengano automaticamente inoltrati.

Cliccando su Salva , tutti i messaggi ricevuti sull'account Libero saranno correttamente gestiti ed inoltrati a meno che nel campo Destinatario A: o CC: non figuri l'indirizzo libero. Come fare perché vengano inoltrati anche i messaggi che non contengono, come destinatario, l'account libero. La soluzione è molto semplice e consiste nel creare un secondo filtro clic sul link Aggiungi filtro. L'unica differenza consiste nella scelta della dizione Non contiene.

In questo modo, la webmail di Libero provvederà ad inoltrare anche quei messaggi ricevuti in posta in arrivo che non contengano l'account libero. Velocizzare Joomla: come attivare la cache e "cronometrare" le query SQL. Rimuovere malware con Emsisoft Emergency Kit 3.

FreePOPs - Moduli

Senza voler fare polemica ma solo per confrontarsi Un browser e' esso stesso un software installato sul sistema dell'utente. Il browser si collega all'interfaccia del portale di Libero e permette di accedere alla webmail. Il fatto che nessuno denunci un fatto illegale non è motivo per continuare a perseguire l'illecito Tutto qui.

Nel contratto è chiaramente scritto che non si possono usare sw, e freepops è un software dovendolo installare sul pc dell'utente. Se libero avesse voluto lasciare accesso ai server POP ed IMAP non avrebbe bloccato le porte relative agli indirizzi non di suo dominio Il problema di freepops è che, secondo il nuovo contratto di libero per l'accesso alle mail, viola il regolamento.


Nuovi post