Esthergarvi

Esthergarvi

SCARICA REATTORE PER LAMPADE A

Posted on Author Kazramuro Posted in Sistema


    In questa categoria sono disponibili reattori e accenditori per le più svariate lampade a scarica. Il reattore e l'accenditore sono indispensabili per l'accensione di. Scopri un'ampia gamma di reattori per lampade a scarica dei marchi più alti. Approfitta di: | Prezzi bassi | Spedizione rapida | Garanzia estesa |. Scopri ampia scelta e offerte convenienti per acquistare Reattori e Accenditori per Lampade a Scarica, Hqi, Ioduri Metallici e Vapori di Mercurio. Spedizione. Nessuno Uncategorized Accenditori elettronici. Alimentatori per lampade fluorescenti. Driver indipendenti. Sistemi di alimentazione da incorporare. Sistemi di.

    Nome: reattore per lampade a
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file: 54.17 Megabytes

    Chi ha spento il lampione? Massimo 29 mag Vi è mai capitato camminando per strada che un lampione sembrasse spegnersi al vostro passaggio? Non mi sono fatto certo suggestionare dalla cosa e ho cominciato a cercare su Internet.

    Ho voluto quindi scrivere un post a riguardo sul mio blog. Quello della SLI è un argomento che mi ha sempre incuriosito. Anche a me, naturalmente, è capitato di vedere un lampione che si spegneva nella strada in cui passavo.

    Poco dopo, magari, si riaccendeva anche.

    A questo scopo gli elettrodi dei tubi sono spesso costituiti da un filamento le cui estremità sono riportate su contatti elettrici esterni.

    Un dispositivo, lo starter, alimenta i filamenti con la tensione di rete per un breve tempo, provocandone il riscaldamento e quindi favorendo l'innesco della scarica. I filamenti incandescenti infatti emettono elettroni avviando la ionizzazione del gas. Lo starter è sostanzialmente un interruttore, racchiuso in una piccola ampolla contenente gas rarefatto, in cui il contatto mobile è costituito da una lamina bimetallica che si deforma riscaldandosi.

    Nel caso l'accensione non andasse a buon fine, l'accenditore ripete la procedura appena descritta Un approccio alternativo consiste nel fornire al tubo una tensione elevata di migliaia di volt da un trasformatore. Si elimina la necessità di riscaldare i filamenti e si possono alimentare tubi molto lunghi. Ogni alimentatore produce una corrente di scarica, che viene dispersa attraverso il conduttore di terra.

    Il funzionamento di tipo induttivo degli alimentatori elettromagnetici comporta un fattore di potenza basso, che raggiunge spesso valori tra 0,3 e 0,6.

    È necessario, quindi, installare un condensatore di rifasamento per riportare il fattore di potenza a 0,9. Alimentatore elettronico autoscillante[ modifica modifica wikitesto ] L'alimentatore elettronico autoscillante semplifica notevolmente la gestione delle lampade fluorescenti rispetto a un alimentatore elettromagnetico.

    ACCENDITORI PER LAMPADE A SCARICA

    Grazie a una tensione di innesco interna l'impiego dello starter diviene superfluo, inoltre non è necessario alcun rifasamento , poiché il fattore di potenza è già superiore a 0, Gli apparecchi che montano un alimentatore elettronico consentono un funzionamento più economico, poiché necessitano di un assorbimento di potenza del sistema decisamente minore rispetto alle applicazioni tradizionali con alimentatori induttivi a parità di illuminazione.

    Alcuni costruttori di alimentatori forniscono il numero massimo di alimentatori collegabili in funzione del tipo di interruttore di protezione utilizzato.

    Molto diffuse sono anche le lampade dette fluorescenti compatte a risparmio energetico , costituite da un tubo fluorescente di piccolo diametro abbinato a un circuito elettronico di alimentazione. Il tutto è montato su uno zoccolo a vite simile a quello delle normali lampadine , al cui posto possono essere montate.

    Alimentatore elettronico a componenti integrati[ modifica modifica wikitesto ] Questo alimentatore utilizza circuiti integrati compreso un oscillatore programmabile per il controllo della lampada.

    Il circuito risonante la trasforma in un'onda dall'andamento sinusoidale.

    Ecco come funziona, in breve, una lampada con circuito di controllo elettronico. Tipi più comuni[ modifica modifica wikitesto ] Il fenomeno dell'emissione di luce da parte di una scarica elettrica è stato studiato a partire dalla seconda metà del XIX secolo da scienziati quali Charles Wheatstone e Jean Foucault.

    Alimentatore con accenditore Relco 35W per lampada a scarica S50311

    La scarica era ottenuta accostando due elementi metallici o barrette di grafite in aria atmosferica. Le lampade fluorescenti che molti chiamano erroneamente "neon" sono sorgenti di luce a scarica elettrica in cui la luce viene prodotta prevalentemente dalle polveri fluorescenti attivate dall'energia ultravioletta sprigionata da un'arco a mercurio.

    Potrebbe piacerti:SCARICARE MOLLA TAPPARELLA

    Questo arco si produce quando viene applicato un adatto voltaggio tensione tra i due elettrodi, ed una corrente elettrica circola attraverso i vapori di mercurio. Anche una piccola parte di gas inerte argon viene miscelata con i vapori di mercurio. Con l'innesco dell'arco fra i due catodi della lampada, numerose piccole particelle elettriche, gli elettroni, si muovono con grande velocita' nello spazio della scarica e quando colpiscono gli atomi di mercurio evaporato, si produce una reazione ultravioletta.

    Reattori elettronici per lampade ad alta pressione

    I raggi invisibili untravioletti colpiscono a loro volta lo strato di polvere fluorescente che ricopre le pareti del bulbo, dove vengono trasformati in radiazioni visibili, cioe' in luce. Il principio di funzionamento: generazione di luce mediante scarica di gas Il principio di funzionamento delle lampade a scarica ad alta pressione differisce notevolmente da quello delle lampade a incandescenza standard.

    Dopo l'accensione, la luce viene prodotta da una scarica di gas che avviene in una lampada ad arco situata tra due elettrodi. La conducibilità elettrica viene stabilita da gas riempitivi ionizzati. Gli elettrodi vengono alimentati in un tubo di scarica completamente sigillato.


    Nuovi post