Esthergarvi

Esthergarvi

APRIRE SELLA LIBERTY BATTERIA SCARICA

Posted on Author Vigar Posted in Ufficio


    inanzi tutto bunasera a tutti sono nuovo del fourm esthergarvi.com in pratica ieri mattina andai a fare benzina con il mio liberty, tornato a casa. Ora il problema e' riuscire ad aprire la sella dato che il cavo affianco a quello della benzina a furia di non usarlo si e' rotto e l'aprisella elettrico. pero ti volgio dire anke il modo brutale che è quello che a me piace dipiu,, cioe: tiri la sella come per aprirla (con le mani) pero la tiri da una. QUALCUNO SA DARMI UN CONSIGLIO??? COME FACCIO AD APRIRE LA SELLA??? Speriamo che domani non piova, perchè in macchina a Milano non ci si.

    Nome: aprire sella liberty batteria
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file: 48.51 MB

    Probabilmente si è scaricata la batteria. Gli attrezzi che occorrono sono: un cacciavite con la punta a croce, uno con la punta a taglio, una chiave del 10 ed un carica batterie 12 volt. La seconda cosa da fare è individuare la posizione della batteria: in genere si trova o sotto la sella, o nel bauletto sotto il manubrio protetta da un coperchio di plastica. Rimuovete questo coperchio che di solito è fissato con una vite e magari utilizzatelo come contenitore per riporvi tutte le viti e i bulloni che toglierete.

    Svitati i bulloni dei poli staccate dalla batteria anche il tubetto trasparente di sfiato che generalmente si trova a lato della batteria. Trascorso questo tempo togliete dalla corrente il carica batterie e solo dopo rimuovete i morsetti.

    Dimensioni pensate per la comodità in sella, motorizzazioni tecnologiche, aumentati margini di sicurezza attiva grazie al diametro della ruota anteriore.

    I propulsori sono il frutto di una filosofia di progettazione che si pone quali obiettivi primari, insieme al contenimento di consumi ed emissioni, avanzati livelli di qualità e di affidabilità. Tutti i motori di Liberty sono modernissimi 4T, raffreddati ad aria e dotati di iniezione elettronica. Ogni particolare è inoltre stato progettato per rendere la guida fluida, silenziosa e confortevole.

    È un propulsore perfetto per la prima motorizzazione dei giovanissimi, che non mancheranno di apprezzarne le doti di brillantezza unite a spiccate doti di economicità di esercizio, grazie al consumo contenuto.

    Il risultato è la riduzione della rumorosità meccanica oltre che il contenimento dei consumi.

    MANUALE STAZIONE DI SERVIZIO Liberty 50 4T

    Un iniettore a otto fori nebulizza finemente la benzina per una combustione ottimale. Piaggio i-get 50 cc, cc e cc sono monocilindrici efficienti sia grazie alla componentistica e alla meccanica, che alla parte elettronica.

    Particolare attenzione è stata dedicata alla definizione della frizione dello scooter, progettata e sviluppata al fine di massimizzare la soddisfazione nella guida. I risultati, dal punto di vista del guidatore, sono una fluidità e una morbidezza di marcia che, unite alla maggiore potenza del motore, consentono una guida sempre piacevole, fluida, priva di strappi. La famiglia di Liberty vanta una qualità realizzativa superiore che si sostanzia non solo nella affidabilità - valore imprescindibile - ma anche nella percezione fisica di un livello di finitura di alto livello.

    Si tratta di un processo di realizzazione che eleva significativamente il livello globale di qualità di Liberty e che consente di offrire al cliente un prodotto di valore, affidabile, che manterrà nel tempo le proprie avanzate caratteristiche. Il telaio di Piaggio Liberty è una robusta struttura monoculla realizzata in tubi di acciaio e da elementi in lamiera stampata. Un singolo ammortizzatore, a doppio effetto regolabile nel precarico molla su e , permette un perfetto adattamento del Liberty al peso di pilota o di pilota e passeggero.

    Il sistema ABS che equipaggia Liberty è stato sviluppato da Piaggio con Bosch, il maggiore produttore mondiale di componenti per il settore automotive. Il sistema elettronico di controllo della frenata impedisce il blocco della ruota anteriore nel caso di frenate brusche, o in presenza di fondo dalla aderenza scarsa, un ulteriore e importante passo verso la sicurezza attiva del veicolo.

    In tema di sicurezza niente è lasciato al caso: Piaggio Liberty si dota di particolari di alto livello quali il doppio cavo del gas che garantisce sempre la possibilità di chiusura meccanica della farfalla, il tilt sensor che in caso di caduta comanda lo spegnimento immediato del motore, il sensore che impedisce la partenza col cavalletto laterale abbassato offerto in optional. Nelle versioni e cc le luci di posizione sono a LED e, sfruttando la tecnologia della guida luce, collaborano con la sorgente del proiettore principale posto sul manubrio caratterizzando Liberty rendendolo subito riconoscibile tanto al buio quanto in pieno giorno.

    La strumentazione elettronica integra la elegante lettura classica con la presenza di un moderno display LCD comandabile con un pulsante sulla destra del manubrio e fornisce tutte le informazioni per la gestione del veicolo.

    Nel controscudo, grazie allo spostamento della batteria, lo spazio a disposizione per il vano portaoggetti è di ben 4 litri. Come optional, lo spazio prevede anche la presenza di una comoda presa USB per la ricarica dello smartphone. Tutta la struttura del comodo porta oggetti è realizzata con grande cura sia nella scelta che nel trattamento dei materiali, il risultato è un elevato livello qualitativo, subito evidente nella semplice azione di apertura e chiusura del vano.

    Soprattutto se non è mai stato cambiato. GianniTurbo , Di solito c'è una vite per scaricare, l'olio, guarda bene sia sullo scooter che sul manuale. Una 50 di cicli di carica me li fara? Alternativamente o altre due possibilita o le originali a euri o quelle di energia solare da 38 ah a euro.

    Che mi dite? Se invece pensi di usarlo seriamente, io non prenderei neanche in considerazione il piombo Conosco poco il Lepton, ma da quel che ho potuto capire modificarlo non è una passeggiata e probabilmente se tu ci dovessi riuscire ti troveresti ad aver speso troppo rispetto a comprarne uno nuovo come lo vuoi tu.. Per quanto riguarda le batterie, concordo ancora con Gianni, se sei uno che crede alla mobilità elettrica io si e penso che sia anche economicamente vantaggioso se scegli bene allora punta alle celle LiFePO4 e sei posto per anni.

    Sella che non si apre

    Certo hanno un prezzo iniziale significativo, ma che soddisfazione per me vedere le mie celle dopo quasi 2 anni e Pensaci bene!! A prima vista ilc alcolo sembrerebbe corretto. Sembrerebbe pertanto che serva la possibilità di correnti istantanee ben più elevate di quanto si possa pensare! Il consumo di corrente costante lo si puo' ipotizzare dalla velocità che il mezzo raggiunge se non si hanno i parametri della centralina e del motore.

    Per capirsi, un motore da W se alimentato a 24V e predisposto per 72V raggiunge un nr di giri cosi' basso quindi va molto piano che difficilmente alla bassa velocità raggiunta potrà consumare piu' di W. Quindi sono di potenza continua, non massima. Ma poi: perchè due valori? E perchè ADC?!? E la corrente da conteggiare sarà quella di picco o il valore quadratico medio rms?

    Che casino Per fare km a 45 all'ora devi viaggiare per 2,22 ore, cioè le batterie devono poter erogare 25 ampere continui per 2,2 ore: secondo me andrebberobene quelle da 65Ah. Quali e dove comprarle, è un altro paio di maniche Una della Lipotech che potrebbe essere interessante è questa da 35Ah rispettoi ai 30 reali che servono : LTE Per euro il prezzo di un pacco alpiombo ci sarebbero quelle da 22Ah, ma mi sembrano pochini. GianniTurbo , Io sono per litio, a cui devi ahimè aggiungere caricabatterie e bms.

    Privacy e Cookies Policy

    Ma è un investimento, dureranno almeno Io con quelle Fiamm da 42 Ah ci sono riuscito a percorrere 43 km in modalità "leprotto" quando erano nuove, ma a 30 km il calo di prestazioni era evidente, e a 40 mi avrebbero superato i bambini sul triciclo.

    Se si vuole autonomia e al contempo servono prestazioni umanamente decenti, l'unica strada è la conversione LiFePo o, come già fatto da qualcuno, quantomeno NiMh.

    Quando ho preso le misure, mi sembrava che per molto poco non ci fosse la possibilità di farci entrare le celle Winston da 60 Ah. Entrerebbero nel vano, ma manca spazio sopra per le connessioni e io non mi fiderei a metterle sdraiate in caso che penetri acqua o altro nel vano batterie. Ma devo capire dove altro le vendono oltre che alla Lipotech , quanto costano, come funzionano, Jumpjack Torniamo sempre a confrontarci sulle LipoTech.

    Niente cablaggi, bms, caricabatterie. Sarebbe un sogno Come hai avuto modo di leggere, di spunto il Lepton arriva a ciucciare A. Credo che sia per pochissimi istanti in accelerazione o nelle salite, anche perché il comportamento della centralina cambia molto a seconda della situazione, del "carico" etc. Lo si sente proprio, percepisce la necessità di maggior spunto per partire in salita, e "ce ne mette di più".

    Non è ipotizzabile usare sul mezzo una batteria che non possa reggere tale assorbimento almeno per qualche decina di secondi, altrimenti come affronti la rampa di un box o quella ben più lunga di un cavalcavia magari con partenza da fermo ad un semaforo?

    Fino a qualche mese fa non c'era nessuna batteria della serie LTE che veniva segnalata reggere senza problemi quello spunto.

    Ora sembra invece che tutte siano in grado di reggerlo Son cambiate le batterie o solo le info tecniche pubblicate sul sito? Quelle che potrebbero sembrare perfette sono le LTE


    Nuovi post